La rinascita dei Pratoni del Vivaro

Gistnobs
Gistnobs
9 Min Read

C’è un luogo nel mondo che, per gli appassionati di cavalli, rappresenta la più accurata approssimazione all’idea del Paradiso terrestre: i Pratoni del Vivaro. Un altopiano, a pochi chilometri da Roma, protetto da una corona di monti e di boschi. Un terreno vario, fatto di prati ondulati, punteggiati di querce centenarie. Un suolo d’origine vulcanica, ideale per galoppare: elastico, ma consistente e perfettamente drenante in caso di pioggia. Insomma, una meraviglia!  
 

È qui che si sono svolti tra il 15 e il 18 settembre i Campionati mondiali di completo, vinti individualmente dall’esordiente britannica Yasmin Ingham e dalla squadra tedesca. Ed è qui che da mercoledì 21 sino a domenica 25 settembre si tengono i Campionati Mondiali di Attacchi. Per chi conosce e ama questo posto, tornare a vedere i prati del Vivaro riempiersi di pubblico e di cavalli è una gioia doppia. Perché questo posto bellissimo, dove era stato costruito l’impianto per la prova di completo delle Olimpiadi di Roma del 1960, poi divenuto Centro Equestre Federale, era stato abbandonato, depredato e vandalizzato, diventando simbolo vergognoso di cattiva gestione e negligenza degli allora dirigenti degli sport equestri italiani. Non riuscendo a gestirlo, nel 2013, la FISE e il CONI avevano restituito i terreni dell’impianto al demanio, suscitando da subito la protesta di molti praticanti e dei sindaci della zona. C’è voluta tutta la caparbietà e la passione dell’ex campione olimpico ed ex-presidente della FISE (dal 1988 al 1996), Mauro Checcoli, e dell’allora sindaco di Ariccia, Emilio Cianfanelli, che hanno coinvolto amici e appassionati, raccolto fondi e bussato alle porte delle istituzioni. A cominciare da quella del comune di Rocca di Papa, dove i sindaci Pasquale Boccia, prima, ed Emanuele Crestini, poi, hanno capito l’importanza di salvare uno dei centri equestri più belli del mondo. “Un appoggio fondamentale – mi racconta Checcoli – ci venne del Presidente del CONI, Giovanni Malagò, che comprese immediatamente il danno che era stato prodotto e assicurò un finanziamento annuale per il recupero della struttura”. Fu all’inizio l’Accademia Federico Caprilli, presieduta dallo stesso Checcoli, a garantire la vigilanza e i primi lavori di risanamento del centro. 

 

Da allora, per fortuna, ne è passata di acqua sotto i ponti e i Pratoni del Vivaro sono tornati a ospitare, con successo, una grande manifestazione internazionale. Dal 2018 il comune di Rocca di Papa è diventato proprietario dei terreni. “Un passaggio reso possibile dalla norma sul federalismo demaniale, che prevede la cessione a titolo non oneroso di beni del demanio ai comuni, a fronte di un progetto per la loro valorizzazione e il loro impiego a beneficio della collettività”, mi spiega l’attuale sindaco Veronica Cimino, che prosegue l’impegno di Crestini, tragicamente scomparso nel 2019. “Lo scorso anno abbiamo sottoscritto con la FISE una convenzione per la gestione del centro, che ha reso possibile approvare un piano di investimenti di 2,4 milioni di euro destinato alla riqualificazione dell’impianto”. Piano che si è ulteriormente irrobustito con la firma, nel luglio scorso, di un protocollo d’intesa tra la Regione, la Federazione Italiana Sport Equestri e il comune di Rocca di Papa, per la riqualificazione della struttura. 

 

“Con i Mondiali ai Pratoni e con Piazza di Siena a Villa Borghese a Roma – mi dice Marco Di Paola, presidente della FISE – abbiamo l’occasione di prenderci cura di bellissimi beni ambientali e monumentali. Poter organizzare eventi di primo livello in posti come questi – ha aggiunto Di Paola – è una grande opportunità per la Federazione, ma anche per l’intera comunità. A noi la responsabilità organizzativa dal punto di vista sportivo, ma anche quella di rispettare l’ambiente, occuparci della sostenibilità, con l’obiettivo di lasciare i beni impiegati in condizioni migliori di come sono stati trovati prima delle manifestazioni. I Mondiali dei Pratoni in particolare sono una scommessa vinta dalla nostra Federazione. Anche il presidente del CIO Thomas Bach ospite ai Pratoni del Vivaro ha espresso grande soddisfazione per il lavoro svolto. Dopo il Concorso Completo questa settimana sarà la volta degli attacchi, una specialità che regalerà grandi momenti di spettacolo a chi deciderà di assistere alle gare ai Pratoni del Vivaro”. 

 

I Mondiali di completo e degli attacchi sono la dimostrazione che il centro equestre, intitolato al fondatore Ranieri di Campello, è tornato alla vita e va dato atto al presidente Di Paola dell’impegno profuso e del successo organizzativo della manifestazione. Ora, però, la Federazione deve continuare a impegnarsi per mantenerlo vitale e produttivo. Questo luogo magnifico rappresenta, infatti, un patrimonio di tutto il movimento equestre, che va reso fruibile agli sportivi, ai praticanti e agli appassionati, organizzando manifestazioni, incontri, stage, di tutte le discipline equestri e non solo di quelle olimpiche.

Il passato fallimento del Vivaro è coinciso con un periodo in cui in questo posto meraviglioso non si svolgevano più gare, o quasi, non si tenevano corsi e questa grande struttura sportiva non rappresentava altro che una sinecura per chi la gestiva e un insostenibile costo di manutenzione. Vista la qualità eccezionale del terreno (riconosciuta a livello internazionale), la prossimità alla capitale, la storia prestigiosa (anche se travagliata), il Vivaro può e deve diventare un centro di diffusione della cultura equestre del nostro paese, trasformandosi in una sorta di Università italiana del cavallo. Un primo passo è stata l’istituzione di un corso di laura triennale in scienze motorie, presso l’Università degli studi di Roma “Foro Italico”, specificamente dedicato agli atleti della FISE. 

Ma sempre più il Vivaro deve diventare un luogo dove tutti i professionisti della filiera equestre (dai cavalieri, ai maniscalchi, agli artieri, ai veterinari e agli allevatori), possano formarsi e aggiornarsi periodicamente. Un luogo aperto alla collaborazione con le università e i centri di ricerca, con le delegazioni regionali della Federazione e con tutte le istituzioni coinvolte nell’universo del cavallo. Per fortuna, il mondo equestre è in continua evoluzione ed è importante che, pur tenendo conto dei saperi antichi che lo caratterizzano, gli operatori del settore possano avere un punto di riferimento per tenersi al passo con i tempi. Solo così il movimento equestre italiano potrà tornare a crescere, nel numero dei praticanti e nei risultati sportivi.  

Per fare questo occorre, però, che il mondo equestre, troppo spesso lacerato da particolarismi, lotte intestine e piccoli interessi di bottega, prenda finalmente coscienza che solo con uno sforzo comune si potrà produrre un salto di qualità che faccia crescere anche il mercato, offrendo maggiori opportunità economiche ed occupazionali a tutti. La Federazione può e deve svolgere un’azione di sensibilizzazione per mobilitare tutte le energie migliori per questo scopo. Il presidente Di Paola ha sinora dimostrato coi fatti di crederci. È un’impresa impegnativa, alla quale tutti gli amanti dei cavalli guardano con interesse e trepidazione. Un impegno che continueremo insieme sostenere e sul quale tutti siamo chiamati a vigilare. 

Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin
adbanner