La mappa dell’Italia fossile di Legambiente. “Troppi investimenti, strada sbagliata”

Gistnobs
Gistnobs
6 Min Read

Anche noi ci muoviamo in direzione opposta a quanto indica la scienza. L’Italia, come altri Paesi del G20, sta rallentando sugli impegni di decarbonizzazione, racconta una recente ricerca della società di consulenza PwC e sembra ancora puntare troppo su quella “dipendenza globale dai combustibili fossili che deve finire” come ha detto di recente il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.
 
Tra anni complessi di pandemia e le conseguenze dell’invasione russa in Ucraina, anche l’Italia impegnata nel ridurre le emissioni sta continuando dunque ad affidarsi a una “transizione energetica basata sul gas fossile, una strategia pericolosa per il clima e la salute pubblica, e inutile in tema di caro energia e indipendenza del Paese. Si acceleri invece su rinnovabili, efficienza, reti, accumuli e sulla legge per eliminare i sussidi alle fonti inquinanti” denuncia Legambiente che, in vista dello sciopero globale per il clima di domani venerdì 23 settembre, ha appena diffuso un report su infrastrutture e corsa alle fonti fossili italiane.

Dal Cigno Verde sostengono che a oggi sono più di 120 le infrastrutture a fonti inquinanti in valutazione presso il Ministero della Transizione ecologica. Gli ambientalisti hanno provato a tracciare una mappa chiamata “L’Italia del fossile” che mostra, tra centrali a gas, metanodotti, depositi, autorizzazioni per nuove trivellazioni e rigassificatori, quanto sia ancora elevato l’investimento tricolore sui combustibili che la scienza, per evitare scenari di riscaldamento estremo del Pianeta, ci chiede al contrario di abbandonare.

Osservando le procedure autorizzative aperte e tenendo conto sia di quelle in attesa di approvazione e dei progetti approvati dal 2020 ad oggi, Legambiente indica che per il settore termoelettrico ci sono per esempio ben 43 progetti su centrali a gas per circa 12 GW di nuova potenza a gas fossile, di cui 7 nuove centrali termoelettriche a gas metano. Viene poi citato l’esempio della centrale termoelettrica di Monfalcone per la quale è prevista la riconversione a gas con una centrale da 770 MW.
 
“Anche grazie al sussidio economico del Capacity Market sono, ad oggi, ben 20 progetti a fonti fossili che potranno godere di circa 146 milioni di euro di sussidi per la realizzazione di 2,6 GW di nuova potenza a gas fossile” puntualizzano da Legambiente.

Se ci spostiamo sui rigassificatori Legambiente annota che “il Governo, accanto ai nuovi contratti di fornitura da Paesi come Egitto, Algeria, Congo, Qatar, Angola, Nigeria, Mozambico, Indonesia e Libia, ha imposto un’accelerata alla realizzazione di due rigassificatori, quello di Piombino e quello di Ravenna, che stanno godendo di procedure autorizzative semplificate. Ad oggi, secondo le ricerche condotte sono stati individuati almeno 15 progetti tra rigassificatori e depositi presentati al Mite per procedure VIA e AIA tra nuove infrastrutture e ammodernamenti di quelli esistenti”. In totale sono 16 le possibili nuove infrastrutture per la rigassificazione e lo stoccaggio di GNL. Inoltre, aggiungendo all’interno del report dettagli su date e impegni, l’associazione puntualizza che i numeri legati ai rigassificatori “raccontano bene il rischio dipendenza per i prossimi 25 anni”.

In tema di metanodotti invece sarebbero  42 i progetti presentati al Mite, di cui 15 per gasdotti da realizzare ex novo e 25 rifacimenti di condotte già esistenti. In programma c’è “la realizzazione di circa 2.300 km di nuove condotte, di cui 1.360 km in sostituzione di tubazioni in dismissione e circa 1.000 km in aggiunta alla rete già esistente”.

Passando alle trivellazioni, Legambiente indica almeno “39 istanze per ottenere permessi di ricerca e coltivazione di idrocarburi per ulteriori 76.694 kmq di territorio italiano dedicati alla produzione di fonti fossili, ovvero una superficie simile all’estensione dell’Austria, in aggiunta agli attuali 33.618 kmq”.

“Aumenta il rischio dipendenza da fonti fossili”
 

I numeri mostrati nella mappa raccontano un Paese in cui “qualora questi progetti dovessero essere autorizzati e realizzati – spiega Katiuscia Eroe, Responsabile Energia di Legambiente – l’Italia abbandonerebbe non solo qualsiasi speranza di poter affrontare in maniera efficace la crisi climatica, non riuscendo in alcun modo a soddisfare gli obiettivi di contenimento delle temperature e di decarbonizzazione definiti dalla comunità internazionale, ma non sarebbe neanche in grado di offrire opportunità concrete di riduzione dei costi in bolletta a imprese e famiglie, rimanendo per i prossimi 25 anni, totalmente dipendente dalle forniture di gas fossile da altri Paesi, spesso al centro situazioni geopolitiche e sociali instabili”.

Per questo l’associazione chiede, al contrario, politiche concrete per accelerare lo sviluppo delle rinnovabili “che permettano la realizzazione di almeno 85 GW di nuovi impianti a fonti rinnovabili entro il 2030 con cui raggiungere l’84% di elettricità rinnovabile nel mix elettrico” e nel frattempo, sul medio periodo, bisognerà “intervenire in termini di sprechi visto che una certa quantità di gas metano viene dispersa lungo l’intera filiera delle infrastrutture a fonti fossili”.

Una mossa necessaria perché, commenta Stefano Ciafani, presidente di Legambiente ricordando la partecipazione allo Sciopero globale del clima, “la crisi climatica sta accelerando il passo. Per frenarla è indispensabile mettere in campo interventi concreti non più rimandabili, a partire da una legge che elimini i sussidi alle fonti fossili, e politiche climatiche più coraggiose, come sottolineano anche i tanti giovani che domani scenderanno in piazza per il clima”.

See also  Bebe Vio fotografata con il calciatore Gianmarco Viscio
Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin