Il giornalismo è morto? Evviva il giornalismo!

Gistnobs
Gistnobs
6 Min Read

La crisi dell’informazione è globale, lenta e sileziosa. Con cadenza sempre meno regolare, solo qualche evento epocale, o «colpo di mondo» – come la crisi finanziaria del 2008, quella climatica che sfiora il suo apice, o quella pandemica – la rimette al centro dell’attenzione. Ma giusto un po’: le classifiche sulla libertà di stampa, gli altrettanto oppugnabili e ripetitivi sondaggi sulla fiducia riposta dai cittadini nei media, i rapporti redatti da autorevoli organizzazioni internazionali o da sfavillanti think tank, denunciano le congiunture tanto drammatiche, occupando gli spigoli di un sito o il trafiletto di un quotidiano. Giornali che, tra l’altro, una trentina di anni fa in Italia vendevano quasi sette milioni di copie, mentre oggi tutti assieme, carta e digitale, fanno sì e no due milioni: è un altro crollo indiscutibile, coi profitti e gli investimenti nei media che si dileguano, le redazioni, già sgombrate e rimpicciolite, che si svuotano di nuovo, i diritti più basilari che si sgretolano.

Faccio il giornalista da un quarto di secolo, ho abbracciato la precarietà da giovane per non rinunciare al diritto di fare inchiesta, eppure nel tempo di una manciata di anni mi sono trovato, con la mia partita iva in tasca, stretto tra quelli giusto un poco più grandi – con pulizia dei denti e appartamento aggrappati al contratto a vita – e quelli arrivati subito dopo di me, che legittimamente mi riservavano lo sguardo rognoso che si rifila ai privilegiati, mentre, strozzati, dovevano discutere di euro e centesimi per piazzare un articolo sul giornale in affanno o un video sul mitico web, dopo giorni di lavoro.

Quindi il giornalismo è morto? Qualche sera fa, un collega assai meno stagionato che ogni tanto va in onda in tv con un ottimo contratto (rapportato ai tempi, sia mai) e le sue inchieste (non presunte come tante altre), uno che stimo e a cui voglio anche un bel po’ di bene, si sbracciava in un locale affollatissimo e con tono sostenuto, sostenuto anche dal bicchiere di troppo, tuonava proprio questo, che il giornalismo è morto.

See also  La destra attacca Von der Leyen. “Parole disgustose si deve dimettere”

La sua provocazione, scomposta ma al tempo stesso strutturata, ha migliorato il mio stato di forma fisica e mentale, in maniera notevole e immediata. Non solo perché m’ha fatto sentire un giovanotto, soprattutto perché non è così: il giornalismo non è morto.

Non lo è nemmeno nell’Italia che conosciamo e che fa sempre storia a sé, senza futuro e senza memoria (proprio quest’anno sono passati, in scioltezza, vent’anni dall’«editto bulgaro»), e dove c’è una democrazia sbilenca perché tutti i media (pubblici e privati) vanno da sempre e sempre più a braccetto col potere, mentre la definizione universale, più breve e imbroccata del giornalismo è solo una: critica e sfida del potere. Infatti l’essenza del giornalista, per dirla con I.F. Stone – punto di riferimento novecentesco poco conosciuto ma parecchio affidabile –, è non fidarsi mai, lavorare per mettere sempre in discussione una qualsiasi posizione ufficiale.

Quindi contano anche le scelte individuali, le autocensure e gli ammiccamenti, le rinunce e gli abbandoni, che si moltiplicano e ritemprano un metodo in grado di annullare la qualità e la complessità, giocando sporco con la comunicazione continua e linformazione interessata.

Alberto Nerazzini 

Decretare la morte del giornalismo significa dare ragione ai manipolatori dell’opinione pubblica, ai fanatici miliardari dell’algoritmo e delle piattaforme che appiattiscono tutto; significa negare la realtà dei nuovi regimi dietro l’angolo, dove attivisti e reporter rischiano il carcere e la vita per informare e denunciare; ma anche negare che un manipolo di grandi democrazie occidentali, mica un paio di autocrazie, da una dozzina di anni sta facendo di tutto per eliminare dalla faccia della terra una singola persona, Julian Assange.

Praticarlo è sempre più impegnativo, ma il giornalismo non può morire: piuttosto, come già accaduto, si rigenera e reinventa, grazie agli accordi di cooperazione, all’utilizzo della tecnologia per sviluppare tecniche di investigazione avanzate, alla contaminazione fra linguaggi e strumenti narrativi.

Ecco anche perché il DIG (ovvero «scavare», to dig, ma anche Documentari Inchieste e Giornalismi) è diventato il più importante Festival in Europa dedicato al giornalismo investigativo, senza dedicarsi solo ai giornalisti. Anzi, è soprattutto un’esperienza di condivisione aperta, pensata per chi vuole ancora essere un normale cittadino che pretende di essere informato e, come noi, pensa che non debba davvero finire così. Da giovedì 22 a domenica 25, nel centro di Modena, va in scena l’ottava edizione. Qui il programma completo. Di cui noi andiamo piuttosto fieri. Stay Gold.

Alberto Nerazzini è un giornalista investigativo, presidente Associazione DIG

Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin