Gemma Calabresi: “Perdonare salva, è la mia storia vera”

Gistnobs
Gistnobs
1 Min Read

L’unico ricordo nitido che ho di quei giorni è quello che succedeva tra quando mi sdraiavo a letto e quando il sonnifero faceva effetto. I soli dieci minuti della giornata in cui mi sentivo viva. Immaginavo”. Immaginava Gemma Calabresi Milite di comprarsi una parrucca, di andare nei posti frequentati dagli estremisti, infiltrarsi, conquistare la loro fiducia e, al momento giusto, quando qualcuno si fosse vantato di aver ammazzato suo marito, allora: “Avrei allungato piano una mano verso la borsa come se mi fosse improvvisamente venuta molta voglia di fumare, ma invece delle sigarette avrei preso una pistola.

See also  Diritti negati, storia parlamentare del Ddl Zan: ecco perché l'omotransfobia rimane impunita
Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin