Emmanuel Carrère: “Dopo il processo del secolo sono più fragile”

Gistnobs
Gistnobs
1 Min Read

PARIGI
Era partito con l’idea di immergersi nel racconto delle vittime, ascoltando “esperienze estreme di vita e di morte messe alla prova”, nella convinzione che al capolinea qualcosa in lui sarebbe cambiato. Dopo aver seguito per dieci mesi il maxiprocesso degli attentati del 13 novembre 2015 – 130 vittime, tra cui l’italiana Valeria Solesin – Emmanuel Carrère pubblica in Francia V13, il nome in gergo usato da magistrati, avvocati e giornalisti che hanno partecipato a questo kolossal giudiziario.

Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin
adbanner