Emanuele Salce racconta il padre Luciano: “Fu deportato dai nazisti, recitò il tedesco per elaborare il dolore. Io ho fatto l’attore per elaborare la vita”

Gistnobs
Gistnobs
1 Min Read

Nel 2019, per i trent’anni dalla morte di Luciano Salce, suo figlio Emanuele aveva lavorato a una mostra celebrativa con la Società Dante Alighieri. Insieme ad Andrea Pergolari scelsero foto, lettere e diari, ora conservati al Centro Sperimentale, per raccontare una storia poco nota. “Mio padre ha passato momenti terribili”, racconta Emanuele. “Rimane subito orfano di madre e a sei anni il padre lo mette in collegio.

Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin
adbanner