Assaggiamo il mondo: continente per continente ecco cosa provare

Gistnobs
Gistnobs
10 Min Read

Indecisi su quali piatti provare nella Babilonia gastronomica del Salone del Gusto di Torino? Non disperate, abbiamo scelto per voi una selezione dei cibi assolutamente da non perdere durante la manifestazione. Un viaggio tra prodotti e sapori unici dei cinque continenti, tra lo speziato dell’Africa e i sapori decisi delle Americhe, tra contaminazioni orientali e biodiversità europea. Una guida pratica e veloce per chi vuole subito immergersi nella ricchezza culinaria mondiale. 

AFRICA

1. Burkina Faso, Soumbalà, preparazione fermentata simile al dado, di Franceline Tranagda.

2. Etiopia, Injera, simile nella forma alla piadina italiana, preparato con la farina di teff. Non solo injera e teff, ma anche berberè, moringa e i Buchana, gnocchi con farina di grano o mais, fagioli.

3. Kenya, Mukimo, pasto preparato con patate e verdure verdi, con spezzatino di pollo ruspante e cavoli saltati in padella, di Lucy Githieyah.

4. Nigeria, Tè preparato con la buccia d’ananas, tipico delle ricette del riuso africane, della giovane cuoca Olajumoke Okeola.

5. Senegal, Miglio, simbolo della cucina senegalese, con ricette di Abderrahamane Amajou, coordinatrice della Rete migranti Slow Food, Laboratori del Gusto.

6. Tanzania, con l’Heritage Foods Africa che vi farà scoprire l’Uji mix dell’Arca del gusto della Tanzania: piantaggine, tuberi e fagioli, con composta di rabarbaro fermentato, di John James Mshana.

7. Uganda, Katogo, piatto tipico della colazione ugandese composto principalmente da matooke e salse, di Milly Namakula.

Maghreb (Algeria, Libia, Marocco, Tunisia)

8. Cous Cous delle montagne marocchine, specialità maghrebina, preparate con piccolo grano del Rif e grani antichi di Atlas. Non perdete anche la variante del Berkouses, un cous cous realizzato con granelli più grandi, simile alla fregola sarda, delle cuoche Souhad Azennoud e Khadija El Jazouli.

9. Chermoula, salsa marinata simile al chimichurri latinoamericano, di Fairouz Elagy, insegnante maghrebina.

10. M’Haware, piatto tipico della cucina algerina, di Nassira Facih.

11. Tajine, piatto di origine berbera fatto con carne o pesce in umido speziati, uno dei protagonisti del laboratorio sui sapori d’Africa, di Fairouz Elagy.

AMERICHE

1. Brasile, Farina di manioca, una delle principali coltivazioni dei popoli indigeni, può essere cotta a fuoco lento, tostata o fritta, usata per le preparazioni di pani, cous cous, crèpes croccanti, biscotti e molto altro ancora.

2. Colombia, Cioccolato di Cacao Disidente di Bogotà, accompagnato in degustazione con sigari toscani o Vermouth piemontese.

3. Cuba, Caffè pregiato utilizzato da Lavazza per la sua nuova miscela Reserva de iTierra!, da gustare in purezza o in ricette dolci e salate.

4. Ecuador, Ceviche Jipijapa, ricetta a base di pesce e frutti di mare marinati tipica delle Ande, preparata nella versione ecuadoregna con pasta de manì e avocado, di Valentina Álvarez.

5. Guatemala, Cacao del Peten, coltivato da un gruppo di artigiani del cacao di Quetzaltenango nella zona del Peten, una grande pianura attraversata da fiumi e ricoperta da una grande foresta tropicale, ideale per la preparazione di raffinate cioccolate.

6. Messico, Tamales, involtini preparati con un impasto di mais ripieni di carne, verdura o frutta, realizzati grazie al sostegno della W.K. Kellogg Foundation. La cucina messicana è il trionfo del mais, con altre preparazioni come i Tostadas, tortillas tostate accompagnate dalle tradizionali salse. 

7. Perù, Castaña amazzonica della comunità di Tambopata, ingrediente della salsa aji de castañas e di un gustoso latte di castaña.

8. USA, Louisiana, Feijoada brasiliana e riso e fagioli rossi di New Orleans con pane di mais, di Marineide Juruna, chef indigeno attivista, Vittoria do Xingu, Pará, Brasile, Dana Honn, Chef Cafe Carmo e fondatrice Bio Cultural Institute.

Vini dell’America Latina

9. Argentina, Canopus, La Nave Va Malbec, Malbec.

10. Bolivia, Jardín Oculto, Vischoqueña.

11. Chile, Viñedos Herrera Alvarado, Oro Negro 2021 (Paìs).

ASIA E OCEANIA

1. Afghanistan, Burani Role Bademjan, piatto vegetariano a base di melanzane, yogurt, aglio e menta, ideale come accompagnamento di carne o kebab, di Shima Faiz.

2. Australia, Funghi di Tagigan Road, Queensland, di Scott Andrews, produttore locale di funghi e attivista Slow Food.

3. Cina, Ravioli cinesi, nel segno della tradizione, di Ai Chih Ling.

4. Filippine, terra dai mille sapori, con la bevanda Libagione della Tierra di Kalel Demetrio e il Pollo adobo, marinato con salsa di soia e peperoncino rosso, servito con il frutto Batuan, di José Ricaredo. Inoltre, potrete degustare anche la ricetta dello chef Jam Melchor, un riso cimelio, ingrediente dell’Arca del Gusto, usato per cucinare un arroz caldo.

5. Georgia, Savoury Korkoti, dessert tipico della cucina caucasica, di Zuka Shonia.

6. Giappone, Sakè, dei produttori Terada Honke e Niida Honke, famosi per la loro produzione di riso utilizzato per preparare questa bevanda, che verrà poi abbinata ad una selezione di onigiri dello chef Yoshie Kamiya. Ma i sapori nipponici non si fermano qui: potrete infatti assaporare anche il favoloso mondo delle alghe dello chef Shui Ishizaka.

7. India, cibi crudisti dell’Himalaya, di Himanshu Kapoor, nutrizionista e fondatrice dell’impresa sociale Consume Green Organic Future Foods.

8. Iran, Halva allo sciroppo d’uva, dolce tipico della cucina persiana, di Jalal Zavareh.

9. Kazakistan, Bauyrsak-Kazakh, pane fritto tradizionale, di Aussak Bauyrzhan e Mira Saidakmetova.

10. Piatti indigeni asiatici, Madua dumbu con phuktal, Rataskep, Filetto di pollo con tanna, vataan e milliet, Stufato con fuma-mi, a cura degli chef indigeni Aruna Tirkey, Kayo Tsukiyama, Hu, Jr Chiang e Slow Food Ryukyu.

11. Turchia, Burek, torta salata che si prepara con un impasto di pasta fillo farcito di formaggio, carni, verdure.

EUROPA

1. Bielorussia, Frittelle di patate con sugo ai funghi, di Anton Kalenik.

2. Bulgaria, Trahana, una miscela fermentata di yogurt e cereali, protagonista dei workshop sui cibi fermentati.

3. Francia, Ostriche bretoni e di Charent, Presidio Slow Food. Potrete assaporare anche la cremosità della Brousse di capra del Rove, formaggio fresco senza sale tipico dell’entroterra francese, altro Presidio Slow Food.

4. Grecia, Batsaria o Plastos, torta continentale al formaggio con farina di mais, di Nikos Fotiadis e Kostas Gerodimos.

5. Irlanda, Irish Raw Milk Cheese Presidia, formaggio fresco irlandese, Presidio Slow Food.

6. Islanda, Porridge d’orzo con slatur (simile al sanguinaccio) marinato nel siero di latte di skyr (latticino simile allo yogurt), pane sottile norvegese lefse con marmellata di mirtilli e formaggio, di Hafliði Halldórsson e Dóra Svavarsdóttir.

7. Italia, il paese più rappresentato con oltre 350 Presidi. Tradizione, come la cozza nera o il peperone crusco, e innovazione, con 13 nuovi Presidi tutti da scoprire, come la Mosciarella laziale, e inediti abbinamenti nella Cucina di Terra Madre, come i tacos con ragout di melanzane, tzatiki di bianco di cocomero su fondo vegetale dello chef Fabrizio Pagliaroni o il cous cous senegalese-siciliano di Sama Yaye.

8. Paesi Bassi, Ostriche di Wadden, Presidio Slow Food. Non si possono non menzionare il burro, protagonista della cucina olandese, diluito nella tipica rosebutjam Kruidkoek, una torta di loglio speziata, e il caratteristico Utrechtse Blauwe Brood, con mele e formaggio di fattoria, pane di farro con semi misti, di Sint Jansrye.

9. Portogallo, Riso con fagioli di Tarreste, di Vasco Guimarães.

10. Slovenia, Briza, minestra del falciatore basata sulla tipica zucca a polpa bianca. Nei Laboratori del Gusto potrete degustare anche la famosa štakanje, un pestato di verdure di stagione, preparato anche nelle zone di confine in Friuli.

11. Spagna, paese di biodiversità. Potrete conoscere e assaggiare i nuovi Presidi Slow Food della regione d’Aragona, lo zafferano di Jiloca e i capperi di Ballobar, oppure immergervi nella ricchezza di sapori dei Paesi Baschi, esplorando nei laboratori i piatti tipici della tradizione come il sale di Añana, il formaggio Idiazábal, l’olio extravergine di oliva non filtrato Arroniz e alcuni legumi tipici della provincia di Álava.

Share this Article
Posted by Gistnobs
Follow:
Software Developer, Data Analyst, Blogger, Writter, Promoter, Internet Sensational +2348105111968 (Whatsapp/Telegram)
eskort eskişehir - eskort adana - escort mersin
adbanner